Accoglienza

PRIMO STEP

Domanda

Per inoltrare la domanda di accoglimento è necessario compilare un apposito modulo che può essere ritirato sia presso gli uffici dell’amministrazione dell’Opera Pia “Raggio di Sole” di Padova sia presso l‘ufficio amministrativo della Casa Soggiorno “A. De Giovanni” di Barbarano Vicentino.

La domanda di accoglimento va indirizzata al Presidente dell’ Opera Pia “Raggio di Sole”.

Le domande possono essere consegnate presso la Sede Amministrativa a Padova o in alternativa, direttamente alla Casa Soggiorno a Barbarano Vicentino (VI). Tutti i richiedenti possono inoltrare il modulo tramite posta, fax o personalmente, presso le Sedi innanzi indicate. II richiedente e/od i suoi familiari, possono visitare la struttura, previo appuntamento, anche prima di presentare la domanda di ingresso.

SECONDO STEP

Documentazione

La domanda deve essere corredata da fotocopia della scheda Regionale di valutazione multidimensionale S.Va.M.A, utile ai fini della costruzione della graduatoria per l’accesso alla Casa Soggiorno e che attesta le condizioni psicofisiche del richiedente, redatta su apposito modulo dall’Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale (U.V.M.D), gruppo di lavoro multidisciplinare, che ha il compito di costruire il programma assistenziale e riabilitativo del singolo. Per ottenere la valutazione U.V.M.D. L ‘utente può:

  1. rivolgersi direttamente al Distretto Sanitario di appartenenza ed inoltrare la domanda di valutazione all’U.V.M.D. prima di fare richiesta presso la Casa Soggiorno. In questo modo può inoltrare domanda di accoglimento anche presso altre strutture residenziali;
  2. inoltrare la domanda direttamente alla Casa Soggiorno che invierà le pratiche all’U.V.M.D. Per avere tale valutazione l’ospite deve presentarsi alla Casa Soggiorno con la necessaria documentazione come ampiamente descritto nella Carta dei Servizi dell’Ente.
TERZO STEP

Lista di attesa

L’Opera Pia “RAGGIO DI SOLE” in linea con le disposizioni della Regione Veneto formulate con D.G.R. n. 457/2007, collabora attivamente con l’Ufficio Anziani dell’ULSS n.6 rispettando la lista d’attesa pubblicata nel Registro Unico Residenzialità (R.U.R.). Pertanto l’accesso delle persone valutate non autosufficienti avviene alla nostra Casa in base alla Graduatoria Unica trasmessa quotidianamente dell’Ufficio Anziani dell’ULSS n.6.

In caso di disponibilità di un posto letto saranno quindi contattate, in base all’ordine di graduatoria determinato dal punteggio regionale, le persone che in fase di domanda hanno segnalato la preferenza per la nostra Casa. Viene invece distinta una lista d’attesa per le domande di trasferimento da altra struttura residenziale della stessa ULSS ed una per le persone valutate autosufficienti. La lista di attesa viene aggiornata ogni qualvolta viene occupato un posto e la stessa viene parimenti rivista a seguito rinuncia degli interessati di volta in volta interpellati.

QUARTO STEP

Accettazione ed ingresso

Per l’ingresso di un ospite nella Casa Soggiorno, oltre a seguire la graduatoria redatta dall’ULSS in base ai punteggi assegnati dall’U.V.M.D si tiene presente la tipologia di posto libero (ad esempio, un posto per non autosufficienti non può essere occupato da un autosufficiente e viceversa). La persona individuata come idonea all’ingresso viene informata telefonicamente e le viene indicato il termine massimo entro cui deve informare l’istituto, della propria volontà di accettare o meno il posto libero. L‘utente può decidere dopo un colloquio con la Coordinatrice e/o l’Assistente Sociale della Casa, in cui può ricevere maggiori informazioni e chiarire i suoi eventuali dubbi. Una volta accettato il posto, il richiedente (od i suoi familiari), prima dell’ingresso, è tenuto a:

  1. firmare l’atto di impegno al pagamento della retta di soggiorno ed al rispetto delle norme contenute nel Regolamento;
  2. versare, tramite bonifico bancario, il deposito cauzionale di importo pari a € 2.065,00.

Il deposito cauzionale rimane infruttifero per tutto il periodo di permanenza dell’ospite e viene restituito entro 30 giorni dal decesso/dimissioni dell’ospite, all’avente diritto, previa richiesta scritta dal firmatario o dai legittimi eredi, decurtato della somma prevista a rimborso delle spese di manutenzione della stanza.

L’ospite deve disporre di un corredo personale adeguato, contrassegnato dal numero di matricola, assegnato all’atto dell’ingresso. Nel caso di dimissioni o decesso dell’ospite i famigliari devono rendere libera la stanza nel più breve tempo possibile, onde acconsentire le operazioni per il ripristino della stessa, e previo accordo con la Casa.