Carta dei servizi

PREMESSA

Presentazione

Gentili Signori,

sono lieta di presentarvi la nostra Carta dei Servizi, che consente di descrivere la struttura e i suoi servizi fornendo dati utili per accedervi con maggior consapevolezza.

Si illustra la Casa Soggiorno con le sue caratteristiche, la sua squadra, le sue attività, i servizi e le prestazioni che è in grado di fornire, e soprattutto la sua ispirazione ideale. Sintetizza lo spirito che anima ed accompagna tutte le attività socio-assistenziali e sanitarie dell’Ente, che mettono sempre al centro la persona che vi risiede, i suoi bisogni, i suoi desideri, la sua dignità e la sua qualità di vita. Obiettivo principale della struttura è quello di assicurare un servizio curato nella propria programmazione, in grado di garantire, a residenti, operatori e familiari le condizioni di lavoro e di assistenza migliori, confidando nella collaborazione di tutti.

Questa Carta rappresenta la volontà e l’impegno che la nostra Istituzione assume con il residente, per garantirne il rispetto dei diritti fondamentali e la promozione del benessere psico-fisico, offrendogli le risposte più appropriate ed adeguate alla propria situazione, condividendole, per quanto possibile, in modo attivo e partecipe al fine di creare le condizioni di una permanenza confortata da un’assistenza qualificata ed umana che lo faccia sentire a Casa.

Al contempo è strumento di comunicazione con i familiari del residente, all’interno di un dinamico rapporto di collaborazione e di scambio reciproco di informazioni. In quest’ottica la Carta dei Servizi è essenzialmente volta alla tutela dei diritti di tutti gli utenti, attraverso la concreta attribuzione di un potere di vigilanza sulla qualità dei servizi erogati, a partire dall’ascolto delle Vostre esigenze ed osservazioni, garantendo così la partecipazione attiva di tutti.

Si intendono infine manifestare gli impegni e i programmi futuri ed esprimere la volontà di migliorare continuamente nell’offerta e nella qualità delle attività che di seguito vengono illustrate.

Mi auguro pertanto che la condivisione di questa Carta dei Servizi possa essere un ulteriore elemento nel nostro star bene insieme.

La Presidente
Roberta Donolato

La Carta dei Servizi

Parole chiave contenute nel documento

=> Standard: livelli di qualità e quantità cui devono tendere le attività istituzionali tenendo in considerazione le attese degli utenti;

=> Fattori di qualità: caratteristiche di qualità che l’utente si attende dallo svolgimento delle varie attività;

=> Efficacia: grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati, grazie all’utilizzo delle risorse a disposizione;

=> Efficienza: indicatore che rappresenta la qualità dell’utilizzo delle risorse; è il rapporto tra i servizi che sono stati erogati e le risorse a disposizione che sono state utilizzate.

riferimenti normativi

La presente Carta dei Servizi è stata redatta seguendo i contenuti della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 “Principi sull’erogazione dei servizi pubblici” e fa riferimento ai contenuti del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 maggio 1995 “Schema generale di riferimento della “Carta dei servizi pubblici sanitari”.

Ulteriori riferimenti normativi sono:

– L. 7 agosto 1990, n. 241 – Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e diritto di accesso ai documenti amministrativi. 

– D.L. 12 maggio 1995, n. 163 – Misure urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi e per il miglioramento dell’efficienza delle pubbliche amministrazioni.

– L. 11 luglio 1995, n. 273 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 1995, n. 163, recante misure urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi e per il miglioramento dell’efficienza delle pubbliche amministrazioni. 

– Ministero della Sanità – Linee Guida n. 2/95 – Attuazione della carta dei servizi nel Servizio sanitario nazionale 

– Decreto del Ministero della Sanità 15 ottobre 1996 – Approvazione degli indicatori per la valutazione delle dimensioni qualitative del servizio riguardanti la personalizzazione e l’umanizzazione dell’assistenza, il diritto all’informazione, alle prestazioni alberghiere, nonché l’andamento delle attività di prevenzione delle malattie. 

– Regolamento Regionale 10 maggio 2001, n. 3 – Regolamento attuativo emanato ai sensi dell’art. 58 della legge regionale 5/2000 e dell’art. 41, comma 4, della legge regionale 5/2001.

indice